Nella ruota dell’anno, il giorno della Candelora (celebrato in gran parte del mondo) possiede una forte valenza simbolica perché è una sorta di porta tra l’inverno, oramai al suo declino e l’imminente primavera e quindi inevitabilmente legato a riti propiziatori per attirare fecondità e fertilità. Ecco perché si dice che: “A Madonna Candelora dell’inverno siamo fora!”.
E così mentre il gelo copre la terra ed il freddo invernale è ancora pungente, le giornate si allungano ed il tiepido sole è dolce presagio di primavera. La natura si prepara infatti a risorgere e le suggestioni in questo periodo non mancano: arie fredde e pizzicanti, cieli limpidi e stellati e paesaggi che, seppur invernali, sono da fiaba.
Si dice che “febbraio è d’ogni mese il più corto e il men cortese” ma è anche il mese dell’anno che spinge a rallegrarci e divertirci, un mese birichino ricco di invitanti appuntamenti in cui il cibo fa capolino tra maschere e risate di Carnevale e cuori e bollicine di San Valentino.
D’inverno la luna splende più vivida e apre il cuore al romanticismo dell’appuntamento con la festa degli innamorati, una celebrazione che affonda le sue radici nella solennità più sfrenata dell’antica Roma, famosa per i suoi eccessi e trasgressioni.
E dunque prima di quaresime, digiuni e diete godiamoci ancora per un po’ i piaceri della tavola, gli appetitosi e succulenti cibi della tradizione e quelle pietanze che richiamano sapori di una volta che profumano di cucine di campagna e confortano spirito e corpo.

 

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie. Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close